Archivi del mese: giugno 2013

Pizza

Telefoni in pizzeria perché con questo caldo non hai voglia di prendere la macchina e tornare a casa con il cartone fumante e dopo aver ordinato una pizza e magari due birre ti stravacchi sul divano con la finestra aperta tanto sai già che mangerai nel cartone dell’imballo.

Sei solo a casa stasera e, allora, libertà assoluta.

Se sei un professionista te la sarai già fatta tagliare dal pizzaiolo a spicchi.

Devi però sapere che gli spicchi di pizza mangiati sul divano sono fra le primarie cause di divorzio nel mondo occidentale, ma non per colpa nostra ma per il clan dei pizzaioli che prende certamente il pizzo (non la pizza) dagli avvocati. Infatti, i bastardi (cioè i pizzaioli), mettono più condimento verso il centro, per cui, quando tu sei sdraiato sul divano con una gamba poggiata sul tavolino tra il cartone della pizza aperto e la birra ghiacciata che sta’ sudando la sua freschezza in un anello indelebile sul tavolino di legno laccato (2° causa di divorzio nell’occidente). Mentre sei li, dicevo, in quella posizione di totale relax che solo un uomo, meglio se antico romano,  può comprendere, e stai per addentare la sugosa fetta, il formaggio con il pomodoro colano vittime dell’infame gravità.

Due le possibilità: una atroce e l’altra letale.

Nell’ipotesi atroce il tutto cola sul divano appena rifoderato di tela bianca, in quella letale la lacrima gastronomica cola sul tuo busto con una temperatura che varia fra quella della marmitta della tua moto dopo una tappa della Parigi Dakar e la lava eruttata dal vulcano Mayon nelle Filippine.

L’essere letale in questa seconda ipotesi consiste nel fatto che scatterai in piedi di istinto, come di istinto ti giri a guardare ogni donna con una gonna appena sopra al ginocchio (sono riflessi incondizionati), la gamba destra colpirà il cartone di pizza, ti ustionerai il polpaccio e, per una carambola infernale, urterai la birra che prima inonderà il tavolino inzuppando tutto, compresa la copia di quel libro di tua moglie con la dedica dell’autore che lei tiene come fosse una reliquia e – quel pomeriggio – aveva tirato fuori dalla teca per mostrare a una amica invidiosa, poi, la bottiglietta ruzzolerà sul tappeto etnico appena acquistato per fare pendant con la nuova rivestitura del divano e lì esploderà mischiando schegge minute di vetro verde e schiuma di birra al pelo cardato a mano da quella popolazione così sperduta da rendere i loro manufatti così cari tali da essere considerati “pezzi da museo”, come ti aveva detto il commesso dell’atelier troppo sorridente e abbronzato per essere affidabile.

La seconda ipotesi prevede che direttamente dal Pronto Soccorso tu chiami il tuo avvocato affinché intesti la casa comprensiva di ogni suppellettile a tua moglie, in via preventiva, per cercare di ammansirla.

E mentre ignaro che il tuo potenziale maschile unito a pizza e birra in una sera solo a casa potrà esserti fatale e ridurti sul lastrico aspetti e aspetti e aspetti.

Dopo un’ora chiami imbufalito la pizzeria e ti dicono che il pony che te stava consegnando è stato rapinato ed è al Pronto Soccorso sotto choc.

“O la pizza o la vita, capisce, così gli hanno detto” ti dice, urlando, il pizzaiolo egiziano.

“O cazzo” pensi, “a che punto siamo arrivati.”

Ma non sai che l’autore del furto è stato un marito che qualche sera prima, solo a casa, ha ordinato una pizza e si è stravaccato sul divano con il cartone aperto sul tavolino…”

P.S.  a Genova si sono già verificati diversi casi di rapine ai ragazzi che consegnano le pizze e, questa, è una notizia vera.

 


Splash

Ragazzi, non so cosa sia successo.

Ieri sera ho zappato su canale 5 e ho visto la parte finale della trasmissione “jump, stasera mi tuffo”. Penso e spero che l’impepata di cozze mi sia rimasta pesantuccia e io sia stato preda dei fumi del peyote gastronomico e abbia visto perciò mostri riprodotti dallo schermo sfavillante.

Un groppo alla gola mi ha attanagliato tanto da far andare la mia memoria a trasmissioni del passato quali “Furore” oppure “Macao” e mi sono immagino passeggiare in una galleria semibuia sovrastato dai busti bronzei di Boncompagni, della compagnia del Bagaglino al completo, di Ezio Greggio con Has Fidanken tutti padri fondatori del catodico elevati a Dei se paragonati a questi piccoli mortali , nel senso che inducono il telespettatore a gesti insani.

Non farò nomi per non incorrere in querele ma guardatevi qualcosina su internet. Occhi persi nel vuoto, annacquati non dal cloro della piscina, bocche aperte da eccesso di botox e tette, tante tette a chili.

Presentatore e giuria impreziosivano i loro interventi con commenti alle forme femminili che facevano ben pensare per il futuro della parità dei sessi (tutti e tre) visto anche la presenza dell’onorevole (donna, silente al cospetto degli oltraggi verbali) che ha sdoganato la coppia lesbo. Tutto very politically correct. Vi invito al proposito a sentire qualche commento del presidente della giuria che tanto mi ha fatto rimpiangere le riprese da sotto gonna delle ballerine sui tavoli di “Furore”.

Ma tanto il mio è solo un incubo infatti quando mi sveglio ritrovo la Melandri che festeggia con Marino la sua nomina a sindaco e mi tranquillizzo, il mondo reale esiste e non può essere che la settimana prossima questo fritto misto di ingialliti personaggi televisivi si ripresenti sul trampolino di questa Roma che non so cos’altro dovrà sopportare, click.


Galleggiamento

Oggi ho trovato in internet una foto che mi ha fatto riflettere.

Oggi ho scoperto che esiste una cantante e modella ucraina che si chiama Anna Sedokova, scusate ma non lo sapevo.

La foto è questa.

5

Dall’immagine si evince che: dove la modella ha fatto la passerella doveva esserci un gran caldo e, soprattutto, che di lei non fregava un cappero a nessuno, salvo a una obesa in alto a sinistra e a una adolescente a destra.

Il che mi è dispiaciuto, povera Sedokova, che tanto si è impegnata con il chirurgo di fiducia e poco si è coperta grazie al fidato stilista per farsi notare e non per passare inosservata.

E allora mi sorge spontaneo un dubbio, ma per chi certe donne fanno certi inutili e goffi sforzi?

Per innalzare la linea di galleggiamento forse, ma non quella della notorietà dove miseramente affogano, glu glu.

 


Vignetta

Ricevo e volentieri pubblico. Tratta da Il Secolo XIX di oggi.

image001