Febbre

Misurarsi la febbre è un gesto normale. Noi lo si faceva con i termometri a mercurio, ormai fuorilegge, come quasi tutto della mia generazione.

Il mercurio è pericoloso. Mia nonna diceva che se il termometro si rompeva e tu ti tagliavi  e se il mercurio fosse venuto a contatto con la tua ferita saresti morto.

Per cui, anche da piccini, si maneggiava il termometro con la stessa cautela della teiera Limoges della bisnonna.

Ci volevano 5 minuti sotto l’ascella, immobili. Se fosse stato meno o se ti fossi mosso si doveva ricominciare da capo. Sbattendo vigorosamente il termometro sino a che il mercurio sullo sfondo giallo graduato fosse sceso sotto i 35°, necessari per ripartire. La misurazione rettale risparmio di ricordarla perché si moltiplicavano le difficoltà e le attenzioni, oltre essere posizionato in luogo delicato, l’eventuale rottura avrebbe provocato morte ignomignosa.

Una volta trascorsi i cinque minuti c’era la lotta, vinta sempre dalle mamme, di leggere i risultati.

Il termometro era però inutile, in ogni casa, infatti, ogni mamma azzeccava l’esatta temperatura al decimo di grado con il solo posizionamento delle labbra sulla fronte, che se io fossi stato della Bayer lo avrei brevettato.

Oggi c’è una specie di termometro che fa tutto in meno di un minuto e quando è pronto suona, i gradi sono scritti su un piccolo display a cristalli liquidi e si è persa ogni precauzione nell’utilizzo.

Crescere nella mia generazione è stato assai pericoloso ma anche avventuroso e didattico.

P.S. il mercurio dice 36°e 5 e allora perché mi sento così uno straccio?

Annunci

Informazioni su finiscetuttoinvacca

scrivo per mestiere e per divertimento. il resto lo scoprirete leggendo questo blog Vedi tutti gli articoli di finiscetuttoinvacca

4 responses to “Febbre

  • laura

    vorrei anche spendere due parole per i giochi dei giardinetti pubblici, tutti rigorosamente in ferro, per lo più arrugginito, un mio compagno di classe delle elementari si è tranciato in due la lingua sull’altalena a 4 posti, di quelle con due panche, in ferro, e una padana mobile che le univa. la lingua sono poi riusciti a ricucirgliela. non si è parlato di altro per mesi… però eravamo felici e sereni.

    p.s. anche a 36.5° l’età resta invariata…!

    • finiscetuttoinvacca

      Ma Braaavavaaaa.
      Ne hanno mutilato più le giostre che il Vietnam però oggi non escono neanche e stanno attaccati alla consolle nessun rischio di sbucciarsi le ginocchia ma il cervello in pappa…
      noi alla consolle avevamo Mimmo Merelli…!!!!

  • Marisa

    36°e 9 ti batto di 4 tacche! e la mia voce si affievolisce sempre+… uh uh uh

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: