Caffé

Vieni che ti offro un caffé.

Un gesto molto italiano e molto bello specialmente in queste giornate che preludono alla primavera.

Sedersi ad un bar per bere il caffé, in piedi è miseria diceva mia nonna, e chiacchierare, dare la scorsa al giornale, guardare la gente che passa è una delle attività più gratificanti che si possano svolgere durante la giornata.

Non è una attività da bar in senso volgare, come rumoreggiare sulle partite, perdere capitali a favore della mafia delle macchinette, il nuovo pizzo per i baristi, rumoreggiare scomposti al passare di una gonna corta.

Bere il caffé seduti al bar richiede caratteristiche personali di tutto rispetto. Chi lo sa fare può affrontare ogni disavventura della vita.

I migliori sono i siciliani e i napoletani della costiera in genere, ma una particolare categoria è costituita dai soggetti della riviera ligure. Tutti loro sono favoriti da una luce del sole particolarmente brillante che rende epico il loro stazionare sulle poltroncine di vimini o di plastica intrecciata dei dehors sulla piazza o sul corso.

Vestiti di colori pastello che riflettano il sole, prediligono il cachemire, e i giubbini di camoscio, i pantaloni chiarissimi, se più giovani usano mocassini senza calze, calze al polpaccio, spesso a righe e comunque colorate i più anziani. Hanno braccialetti di diverso tipo, hanno i capelli perfetti e sono rasati di fresco, sorridono e talora fumano con eleganza.

Incontrarli e vederli arricchire l’arredo urbano è facile ma parlare con loro e scoprire i loro segreti richiede costanza, abnegazione e molti, molti caffé.

Parlare con loro cambia la vita, è un’esperienza esotica che arricchisce il bagaglio delle conoscenze terrene e rende finalmente uomini, da caffé.

Informazioni su finiscetuttoinvacca

scrivo per mestiere e per divertimento. il resto lo scoprirete leggendo questo blog Vedi tutti gli articoli di finiscetuttoinvacca

2 responses to “Caffé

  • laura

    è un’ esperienza anche da donne, un paio di amiche, due chiacchiere, caffé e qualche pastina, alla frutta che ingrassa meno, e soprattutto commenti sui passanti, ricordo da ragazzine che fermavamo le anziane signore per complimentarci con i loro look e addirittura per chiedere loro dove avessero comprato quei capi così deliziosi…merde si nasce!!!!

  • zia di lothar

    Senz’altro parlare con la gente che arricchisce l’arredo urbano con l’intento di conoscere i loro segreti mi cambierebbe la vita, potrebbe anche essere un’esperienza esotica che accrescerebbe il bagaglio delle mie conoscenze terrene, ma bere tutti quei caffè mi renderebbe solo nevrastenica!
    Sai che non sono costante nè abnegante, sono donna da aperitivi alcolici!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: