Sciopero

Mi ricordo gli anni settanta. Le camionette della polizia, gli scontri di piazza. Mi ricordo le bandiere rosse, tantissime, e le tute blu, mi ricordo l’orgoglio operaio, i cori cantati a squarciagola, la rabbia.

Ricordo De Ferrari strapiena.

Io ero bambino e per me erano eroi. Mio nonno era un operaio e grazie a lui so riconoscere lo scolorito da fatica dei capi da lavoro dal liso per moda.

Sono cresciuto rispettando chi lavora, e, rispettando un pochino di più chi ha i calli sulle mani.

Oggi c’è una sorta di sciopero generale, non ci sono bandiere, nessun corteo, assenza di orgoglio, piove e la città è mezza deserta.

Giusto o sbagliato in questo momento, lo sciopero dovrebbe essere un momento di unione, la forza che dal basso ti avverte.

Oggi invece le teste sono chine, le tute sono a lavare e nessuno sa più se ha dei diritti, tutti abbiamo delegato altri a vivere la nostra vita.

Ci sono solo calli sui pollici, calli da telecomando, e i bambini non hanno più eroi veri in cui credere.

Informazioni su finiscetuttoinvacca

scrivo per mestiere e per divertimento. il resto lo scoprirete leggendo questo blog Vedi tutti gli articoli di finiscetuttoinvacca

One response to “Sciopero

  • marisa

    gli anni settanta, le donne in piazza,insieme studenti e operai, è vero, le bandire, l’orgoglio di esserci, essere uniti era una forza. Bei ricordi…..
    grazie Raf.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: