Televisione

Già da un po’ di tempo provo imbarazzo a guardare la televisione. Ogni trasmissione, in particolare i format Endemol, sono espressione della peggiore e semplificata visione di una vita fatta di stereotipi. Che siano poveracci rinchiusi sempre da più mesi in una casa, che si tratti di altri che vengono intervistati, che siano talent o reality non mantengono mai quello che dicono. Non si trova talento, realtà o similitudine con l’esistenza reale.

C’è solo mercato, soldi, interessi. Il che non mi scandalizza ma mi infastidisce. Tutti che parlano, che litigano, che commentano, che dicono e ogni parola, anche le rare cose intelligenti, diventano inutili, annacquate e rese vane dal contesto nel quale vengono pronunciate.

È un’esibizione oscena di assenza di intelligenza alla quale ci siamo abituati e come oche con i piedi inchiodati alla tavola siamo nutriti con l’imbuto  da ciò che serve a farci consumare e a non farci pensare.

Ora, le nuove televisioni si possono collegare a internet e i palinsesti possiamo farceli noi oppure si può collegare l’hard disk e far scorrere tutte le nostre foto e parlarne insieme, possiamo vedere il filmato del nostro matrimonio e ridere di come erano vestiti gli invitati, possiamo usare lo schermo anziché esserne usati. E questa è un’altra di quelle cose che può valere la pena fare salvo non si preferisca vedere come balla il commercialista, cosa pensa il tronista, come bacia l’ambientalista.

Advertisements

Informazioni su finiscetuttoinvacca

scrivo per mestiere e per divertimento. il resto lo scoprirete leggendo questo blog Vedi tutti gli articoli di finiscetuttoinvacca

One response to “Televisione

  • laura

    temo tu abbia ragione, in effetti è da tempo che mi nutro di televisione per motivi noti, ma mai come in questo periodo sono insofferente nel guardarla. non mi è chiaro se sono diversa io e non la tollero più o se effettivamente si è inceppato il meccanismo, gli ipnotizzatori hanno perso il loro tocco. ho notato che fanno da decenni sempre le stesse cose ma condite in modo diverso, come le canzoni, tutti cantano le canzoni del passato ma con l’arrangiamento che attualmente piace di più. soliti corsi e ricorsi, alla fine…non c’è spazio per la creatività, quella vera intendo…
    ho un’idea, tu sei una fucina di idee……..
    Laura

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: